I danni della sigaretta elettronica

Quando le prime sigarette elettroniche invasero i mercati di mezzo mondo sembrò davvero la fine di un incubo. Il fumo da sigaretta tradizionale provoca ogni anno, solo nel nostro Paese, oltre 70mila vittime.

Le conseguenze del fumo della sigaretta elettronica

La comparsa delle e-cig fu quindi accolta come soluzione priva di effetti collaterali. Peccato che il tempo e la scienza stiano lentamente ribaltando tali considerazioni utopistiche. La sigaretta elettronica, impiegata come strumento per abbandonare definitivamente le sigarette tradizionali, è nociva per l’organismo oppure no? È questo uno dei grandi dilemmi che ruota attorno alle e-cig e che divide medici ed esperti del settore.

I dati provenienti dalle ricerche scientifiche sono spesso discordanti. Di recente la Società europea di Cardiologia ha rilevato che la sigaretta elettronica non provoca alcun disturbo al cuore, al contrario di ciò che accade con le sigarette tradizionali. Di contro l’European Respiratory Society non ha escluso che i dispositivi elettronici possano in qualche modo provocare danni al sistema polmonare.


Per essere sempre aggiornato sui nuovi prodotti lascia i tuoi dati qui sotto:

------------------------------------


In linea generale, anche se in misura ridotta rispetto alle sigarette, l’ecig presenta effetti collaterali a breve e lungo termine. Secondo una ricerca condotta dall’Università di Atene su un campione di 32 volontari, nonostante la sigaretta elettronica venga largamente sponsorizzata come sicura e assolutamente non nociva per l’organismo, è impossibile affermare con certezza se ciò sia vero oppure no. I volontari dello studio greco hanno registrato un significativo aumento della resistenza respiratoria. Ciò equivale a dire che i dispositivi elettronici possono alterare l’equilibrio delle vie respiratorie fin da subito.

Le ricerche sui danni del fumo

Un dato positivo è stato registrato da una ricerca condotta dall’Università Statale di Milano, secondo cui gli effetti neurochimici prodotti dall’impiego della sigaretta elettronica sono minori rispetto a quelli generati dalle classiche sigarette. L’astinenza acuta legata al fumo normale è poi nettamente superiore se confrontata con quella da vapore. Tuttavia è stato dimostrato che anche il vapore dei dispositivi elettronici genera dipendenza.

Alla luce di quanto detto fin qui è impossibile affermare con piena certezza che la sigaretta elettronica rappresenti una valida alternativa al fumo di sigaretta e che non produca danni all’organismo. Le evidenze scientifiche al riguardo sono ancora esigue e poco approfondite. Basti pensare che la ricerca scientifica ha impiegato ben 70 anni per stabilire con assoluta sicurezza che la sigaretta tradizionale è cancerogena e nociva per l’organismo.

Bisognerà quindi attendere ancora diversi anni prima di ottenere un verdetto definitivo circa i danni provocati dall’ ecig.
Ciò che è importante stabilire al momento è che la sigaretta elettronica seppur meno nociva di quella tradizionale, non è priva di rischi per la salute. È quindi opportuno utilizzarla con le dovute cautele, per periodi di tempo non eccessivamente lunghi.

Lascia un commento